L'AGGETTIVO

 

        L'aggettivo è una parola che metti vicino ad un nome di persona o di animale o di cosa per indicare una qualità o una caratteristica, oppure per indicare dove si trova, cioè se quella persona o animale o cosa è vicina o lontana da chi parla.
 
        La parola "aggettivo" vuol dire: che si aggiunge, in questo caso ad un nome.

 

Aggettivo Qualificativo

 

        L'aggettivo che mostra una qualità si chiama aggettivo qualificativo.

          Vediamo di capire bene che cos'è una qualità. Prendiamo come esempio una palla:

 

        Puoi vedere che esistono diversi tipi di palle, ognuna possiede una caratteristica differente da un'altra. Queste caratteristiche o qualità potrebbero essere:

 

 

        Possiamo prendere qualsiasi nome di persona, animale o cosa e aggiungere degli aggettivi che esprimono le sue qualità o caratteristiche.

        Guarda qualche esempio:

 

 

 

        Perciò le parole: grosse, felice, muscoloso, grasso, colorati e belle, sono aggettivi, perché esprimono una qualità del nome al quale sono state messe vicino.

        Per gioco proviamo ad esprimere delle qualità di un computer:

 

 

 

 

        Hai visto che l'aggettivo modifica il nome e ti aiuta ad esprimere meglio i tuoi pensieri.

        Infatti, se dico: "Ieri ho visto un film", non puoi sapere niente di quel film, non sai come è, se mi è piaciuto ecc. Se invece dico: "Ieri ho visto un film bello ed emozionante", puoi cominciare a capire che tipo di film ho visto.

        Prova ad immaginare come potrebbe essere una conversazione se non venissero usati gli aggettivi. Non sarebbe molto interessante e diventerebbe un po' noiosa.

        L'aggettivo deve sempre essere d'accordo con il nome che accompagna. Se il nome è maschile, usi un aggettivo maschile. Se invece il nome è femminile, usi un aggettivo femminile. La stessa cosa vale per il singolare e il plurale.

        Infatti, non puoi dire: il gatto rossi, dirai il gatto rosso. Non puoi proprio dire: la bello rosa, dirai invece la bella rosa.

        Gli aggettivi bello, buono, grande, santo, quando sono davanti a dei nomi che cominciano per consonante, devono essere troncati.

Troncare significa togliere l'ultima vocale o l'ultima parte di una parola per creare una pronuncia più armoniosa e gradevole con la parola che viene dopo.

        

        Esempi:

        Ma guarda che bel disegno. 

        Quel bambino è un gran birichino. 

        Buon giorno! 

        Oggi festeggiamo San Francesco.

        Gli aggettivi bello, buono, grandesanto, che hai appena visto, vogliono l'apostrofo davanti a nomi che cominciano per vocale.

        Esempi:

        Gianni è un bell'uomo, domani festeggiamo sant'Anna, era davvero una buon'anima.

 
Aggettivo Dimostrativo

            L'aggettivo che indica la vicinanza o la lontananza dalla persona che parla, si chiama aggettivo dimostrativo.

        Vediamo ora degli esempi per quanto riguarda questo tipo di aggettivo:

 

        In questo esempio, l'aggettivo quel messo vicino ad un nome indica, come se fosse un dito, la lontananza della persona, animale o cosa dalla persona che parla.

 

        In questo esempio, l'aggettivo questo messo vicino ad un nome indica, come se fosse un dito, la vicinanza della persona, animale o cosa alla persona che parla.

        Hai trovato le parole questo e quello anche nel capitolo che ti spiegava i pronomi, ma allora qual è la differenza? La regola è molto semplice:

        E' pronome quando sostituisce un nome, è aggettivo quando lo accompagna.

        Nella frase: "Questo libro è più bello di quello", questo è aggettivo, perché accompagna il nome libro, quello è pronome perché sostituisce il nome libro.

        Guarda altri due esempi di Aggettivi Dimostrativi:

 

 

        Per riassumere.

        Gli Aggettivi Dimostrativi sono: questo, questa, questi, queste, quello, quel, quella, quei, quegli, quelle.

        Questo, questa, quello e quella si apostrofano davanti a vocale. Quegli si apostrofa solo davanti a parole che cominciano per la vocale i.

 

        A Natale mi hanno regalato quest'orologio.

        Quest'isola sembra quasi deserta.

        Dobbiamo vendere tutti questi vestiti.

        Queste scarpe mi stanno strette.

        Quell'oggetto ha molto valore.

        Ieri ho raccolto quel cane randagio.

        Sbucciami quell'arancia, per favore.

        Posso venderti quei cavalli, se vuoi.

        Quegli scolari vanno a scuola con l'autobus.

        Mi hai portato quelle enciclopedie che ti avevo chiesto?

 

Torna Inizio Pagina  

Torna alla Home Page

 

                   INDIETRO                   PROSSIMO CAPITOLO